Il pubblicista e scrittore Fulvio Greganti ci ha scritto un breve articolo in cui parla del suo primo romanzo “Frammenti di nostalgia” (Accademia di Babele Edizioni)

 

Si tratta di un vero e proprio inno alla nostalgia in cui si intrecciano alcune delle più famose canzoni di Franco Battiato con le sue vicende personali, dando vita a un racconto veramente suggestivo.

Qui di seguito il suo articolo:

“Parlare di Franco Battiato per me è assolutamente naturale. Sono un cultore delle sue musiche. Nel momento stesso in cui ho deciso di scrivere qualcosa, sono partito da alcuni ricordi belli, luminosi, del mio vissuto personale. Ho pensato subito di intersecarli con le sue canzoni di successo degli anni ’80, le più nostalgiche.

Non potevo non considerare la vetta della sua produzione, l’album “La voce del padrone”, primo disco a vendere oltre un milione di copie in Italia oltre ai dischi successivi che appartengono alla stessa epoca. Quelle musiche, quelle canzoni ricordano l’infanzia, l’adolescenza e la vita siciliana di paese. Dal 1981 al 1985 la produzione artistica del compositore siciliano aveva un unico comun denominatore: il ricordo.

Perché non mettere insieme le due situazioni? Perché non provare a mettere a disposizione di tutti queste suggestioni, questi frammenti, questi sentimenti che ognuno porta nel proprio cuore? Quindi il libro potrebbe essere definito racconto, percorso di formazione, diario musicale: tutte queste sfaccettature sono presenti.

Mi interessava mettere in evidenza anche la vita di allora, così semplice eppure così felice, lontana anni luce dal caos dei giorni di oggi. La copertina impreziosisce il lavoro. Si tratta di una foto del 1974 del grande fotoreporter Giorgio Pegoli intitolata “Il ritorno”.
Un dono di famiglia di tanti anni fa che ho voluto a tutti i costi e che sintetizza alla perfezione il contenuto interno. L’imbrunire immortalato con una bicicletta in lontananza a perdersi verso l’orizzonte stanno a dimostrare che quelle sensazioni non sono solo mie ma, forse, patrimonio comune e universale.”

 

“Frammenti di nostalgia” romanzo di Fulvio Greganti

Share This